per Android, iPhone, WPhone

 

Apple e Samsung condannate … in Corea del Sud

Postato 24 Agosto 2012 da Guido in News

Prima della chiusura della causa americana, arriva una salomonica sentenza coreana

Apple contro Samsung

 

Mentre tutta l’attenzione di esperti, media o anche semplici curiosi è concentrata nella disfida fra Apple e Samsung in suolo statunitense, ecco che arriva una sentenza sudcoreana, assolutamente salomonica nei confronti delle due società.

Una corte composta da tre giudici coreani ha stabilito che Apple ha violato due brevetti di Samsung, e quest’ultima ha violato un brevetto di Apple.

Prima di tutto è interessante leggere la parte della sentenza che riguarda le somiglianze nel design. Secondo i giudici, in effetti i dispositivi delle due società sono simili, ma è comunque difficile creare differenze in un oggetto piatto e con uno schermo grande. Inoltre Samsung differenzia il proprio prodotto con tre pulsanti che iPhone non ha, e ha previsto una diversa posizione della fotocamera. Inoltre entrambi i prodotti riportano sulla cover il logo dell’azienda produttrice, per cui è difficile sostenere che non siano distinguibili. Inoltre i consumatori, al momento dell’acquisto, non valutano solo la forma di un oggetto, ma anche la disponibilità di app, il sistema operativo e i servizi associati.

Fatta questa premessa (che ci sembra assolutamente sensata) il giudice coreano ha punito Apple con una multa da circa 28.000 Euro (per i due brevetti violati) e Samsung per la metà (14.000 Euro, un brevetto solo).Ha inoltre proibito la commercializzazione in Corea del Samsung Galaxy S II, nonché dell’iPhone 4 e dell’iPad 2 di Apple. Non sono invece interessati nè il Samsung Galaxy S II, nè l’iPhone 4S, e cioè i modelli di punta di entrambi i produttori.

La sentenza ha previsto pene pecuniarie tutto sommato limitate, anche in considerazione della diversa dimensione del mercato sudcoreano rispetto a quello statunitense. Negli Stati Uniti Apple chiede a Samsung la cifra monstre di 2,5 miliardi di dollari, e Samsung risponde con una richiesta di 422 milioni di dollari. Inoltre è una sentenza salomonica perchè colpisce in modo lieve entrambi i contendenti, su modelli che a breve saranno obsoleti e sono comunque già stati sostituiti con dispositivi di nuova generazione.

In Corea le azioni Samsung hanno perso l’1,3%. Siamo curiosi di vedere cosa succede negli USA all’apertura della borsa americana. E’ possibile peraltro che la sentenza statunitense arrivi in serata o nel fine settimana, a borsa chiusa, proprio per non turbare i mercati.

 

Fonte

 

0.00 avg. rating (0% score) – 0 votes

Autore

Guido

Appassionato di tecnologia e smartphone.


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi