per Android, iPhone, WPhone

 

Apple iPhone esiste e ha un cuore Mac

Postato 10 gennaio 2007 da Gti in News

Su di lui era stato detto di tutto ed il contrario di tutto, ed era stato ritratto in decine di immagini poi rivelatesi puntualmente "fake". Anche il nome sembrava non dovesse essere quello ipotizzato, essendo stato utilizzato recentemente da Cisco per una serie di telefoni VoIP. Ora la svolta decisiva: l’iPhone esiste ed è stato ufficialmente presentato da Steve Jobs, il CEO di Apple, al Macworld di San Francisco.

Durante l’ampia keynote statunitense, che è possibile visionare sul sito Web istituzionale, pur non entrando nel dettaglio tecnico Jobs è stato molto esaustivo nel descrivere le caratteristiche del prodotto, presentato come device convergente in grado di riunire tre devices:
1) un player audio con ampio display touchscreen
2) uno smartphone
3) un dispositivo per la navigazione Internet evoluta.

È innegabile che il prodotto risulti notevolmente diverso da tutti gli smartphone e i PDA phone ad oggi conosciuti, sia nelle forme che nei contenuti, decisamente innovativo ben oltre i dati tecnici. Cerchiamo di analizzare schematicamente alcune caratteristiche peculiari del nuovo nato.
L’estetica è, a giudicare dai video e dalle foto, molto elegante. Le dimensioni sono simili a quella di un iPod video, ma con un ampio display sensibile al tocco da 3,5 pollici con risoluzione 320 x 480 pixel (160 dpi) che occupa quasi l’intera parte frontale. Prima innovazione evidente, il touchscreen non si avvale di pennino ma di una modalità di input esclusiva (costata, sostiene Apple, lunghe ricerche) denominata Multi-touch, utilizzabile direttamente con le dita. La tastiera QWERTY compare a schermo quando è necessario inserire testi ed è altresì utilizzabile in modo veloce e naturale, a detta del produttore, anche questa senza lo stilo.

{mospagebreak heading=- Parte I&title=- Parte II}

Altra sorpresa: il sistema operativo è Mac OSX! Proprio lui, l’ambiente basato su kernel Unix, in versione ottimizzata per display di piccole dimensioni ma dotato di applicazioni di qualità e livello paragonabile a quelle desktop: client email con visualizzazione full-HTML, Web browser Safari, applicazioni PIM gemelle di quelle per Mac, iTunes in versione tascabile in grado di sincronizzarsi completamente con la versione desktop per PC o Mac, al pari di un tradizionale iPod, e riproduzione di video a tutto schermo.

Il tutto rigorosamente multitasking, ricco persino dei famosi widgets, tanto cari ai più affezionati utenti della Mela, in grado di fornire le più disparate informazioni, dalle ricerche online alle previsioni del tempo ad una comoda calcolatrice pop-up, capace di comparire e sovrapporsi alle altre applicazioni quando necessario.

Sono presenti diversi sensori avanzati, in grado di automatizzare funzionalità dell’iPhone: un accelerometro integrato è in grado di switchare automaticamente tra le modalità portrait e landscape del display semplicemente ruotando il dispositivo tra le mani; un sensore di prossimità si accorge quando avviciniamo il device al nostro viso disattivando touchscreen e display, mentre un rilevatore di luce ambientale regola automaticamente la retroilluminazione in base alle necessità.

La connettività è garantita da una radio GSM quadribanda (850/900/1800/1900 MHz) GPRS/EDGE, dal Wi-Fi 802,11b/g, dal Bluetooth 2.0 con EDR, e dall’USB 2.0, mentre sul fronte storage sono presenti 4 o 8 GB interni di memoria flash, a seconda della versione, che appaiono decisamente generosi anche in vista di utilizzo musicale: la stessa capacità della versione ad oggi più capiente di iPod Nano.

Sull’elegante retro è presente una fotocamera integrata con risoluzione pari a 2 Megapixel, sulla cui qualità si spera che Apple sappia far fruttare l’esperienza maturata con le sue famose iSight, a detta di molti le cam dotate di migliore qualità video in relazione alla risoluzione, accessoriate tra l’altro con un evoluto sistema antialiasing integrato.

Per avere l’iPhone occorrerà attendere ancora diversi mesi, essendo tuttora in attesa di ottenere le certificazioni da parte delle autorità delle telecomunicazioni: i primi a goderne saranno gli statunitensi, che potranno acquistarlo da giugno; in Europa arriverà negli ultimi mesi del 2007 ed in Asia nel 2008.
I prezzi di lancio sembrano aggressivi, in rapporto ai contenuti ed alla tradizionale qualità cui ci ha abituato Apple: 499$ per il modello da 4 GB, 599$ per il modello da 8GB, comprendenti anche un account di posta push Yahoo. Dunque un ritorno in grande stile da parte della casa di Cupertino nel mercato dei PDA, in cui era stata vera pioniera negli anni 90 con l’innovativo Newton.

Fonte: SoloPalmari.

0.00 avg. rating (0% score) – 0 votes

Autore

Gti



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi