per Android, iPhone, WPhone

 

Galileo: i satelliti europei chiedono aiuto al GPS?

Postato 18 Luglio 2007 da Gianvi in News

Si intensificano le voci di un possibile accordo tra gli Stati Uniti e l’Unione Europea per l’integrazione dei rispettivi sistemi di localizzazione satellitare. Secondo le fonti l’accordo sarebbe finalizzato all’unificazione delle frequenze radio di trasmissione dell’attuale standard GPS, controllato dall’esercito statunitense, e del neonato sistema europeo Galileo, tuttora in fase sperimentale. I vantaggi della coalizione sarebbero molteplici, soprattutto in termini di accuratezza ed affidabilità del servizio, e potrebbero fornire le basi per una futura generazione di chipset GPS in grado di ricevere i dati trasmessi da entrambi i sistemi satellitari ed utilizzarli parallelamente o alternativamente.

align=”center”>

Per trarre i frutti della standardizzazione, sempre che la notizia si riveli fondata, sarà necessario attendere la piena operatività della rete di posizionamento Galileo, il cui esercizio è previsto per non prima del 2011, salvo ulteriori posticipazioni. In realtà la fase applicativa della tecnologia pare stia patendo numerosi e gravi ritardi, tant’è che l’alleanza con gli States potrebbe essere interpretata come una richiesta di soccorso più che come un’opportunità di potenziamento.
Il progetto Galileo si basa una costellazione di trenta satelliti rotanti su tre piani orbitali “equispaziati” e si rivolge principalmente al settore civile-commerciale, promettendo una maggiore precisione ed una più ampia diffusione del servizio rispetto all’attuale Global Positioning System.

Fonte: Engadget

0.00 avg. rating (0% score) – 0 votes

Autore

Gianvi



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi