per Android, iPhone, WPhone

 

Google lancia il sistema per PC Chrome OS. Ed è rivoluzione, non solo netbook.

Postato 30 Novembre 1999 da Gti in News

Prima o poi sarebbe dovuto accadere, e d’ora in poi l’informatica probabilmente non sarà più la stessa: Google ha ufficializzato l’esistenza del Chrome OS, il sistema operativo per computer che andrà a concorrere con giganti del calibro di Windows e di Mac. I primi terminali ad equipaggiarlo saranno i netbook, a partire dalla metà del 2010.


Il perché della scelta ce lo spiegano i responsabili del marketing della grande G: “Il messaggio degli utenti è chiaro: vogliamo qualcosa di più per i nostri PC. La gente desidera aprire le e-mail all’istante, senza inutili perdite di tempo per l’avvio del computer e del browser. Vuole che il proprio dispositivo abbia prestazioni identiche a quando l’avevano acquistato, e che i dati siano accessibili ovunque e che non ci si debba preoccupare di effettuare il backup dei file per non correre il rischio di perderli. E, ancora più importante, non ha piacere di spendere danaro per potenziare il PC con periferiche o di dover scaricare costantemente aggiornamenti del software“.

Chrome OS sarà Open Source, e dunque godrà del contributo di grandi software house come di piccoli sviluppatori indipendenti, sarà basato su kernel Linux, potrà girare su processori x86 e ARM e verrà dotato di interfaccia a finestre semplice ed intuitiva. Tutto questo dovrebbe contribuire ad una rapida affermazione del sistema, sia presso l’utenza sia alla corte dei produttori di applicativi, tanto più che per questi ultimi la piattaforma di sviluppo esiste già e si chiama Web. Titoli già efficientissimi sono a loro volta già esistenti e ben sperimentati: Gmail, Chrome browser, Documenti, Calendar, RSS Reader, Instant Messaging, e chi più ne ha più ne metta.

Entro il 2009 di Google Chrome OS sarà pubblicato il codice Open Source, per chi vorrà darsi da fare a scrivere programmi. Dall’estate del 2010 saranno sul mercato netbook con già implementato il sistema, grazie “ad accordi esistenti con grandi produttori”. Presto, dunque, potrebbe replicarsi anche nel mondo dei computer il fenomeno al quale stiamo assistendo in questi mesi nel settore della tecnologia mobile: Android che, partito dal nulla ma forte del supporto delle aziende più potenti oggi al mondo – i gestori telefonici, conta già decina di terminali basati sulla piattaforma di derivazione Linux e sostanzialmente votata, lo sappiamo, ad Internet. Se ne vedranno delle belle.

Fonte.

0.00 avg. rating (0% score) – 0 votes

Autore

Gti



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi