per Android, iPhone, WPhone

 

HTC HD Mini

Postato 19 Aprile 2010 da Gti in MyReview

HTC HD mini si distingue per tre aspetti peculiari. Primo il design: compatto ed elegante, il device ha dimensioni contenute ed è particolarmente leggero: 110 grammi, batteria compresa. Così che possa stare in tasca senza dare pensieri.

La seconda connotazione è nel ruolo che il device riveste nella gamma HTC: HD Mini sarà probabilmente l’ultimo esponente di una lunga dinastia di smartphone Windows Mobile. I prossimi dispositivi High Tech Computer, lo afferma la SoloTalpa, monteranno Windows Phone 7.

La terza caratteristica distintiva, prima per importanza, è nelle prestazioni: HTC HD mini è veloce, velocissimo. Le sorprendenti performance sembrano essere un onore delle armi ad un sistema operativo, Windows Mobile appunto, che ci lascia con l’edizione 6.5.3.

{module adsense forum 728 x 90}

Per piacere e per lavoro

La piattaforma Microsoft è per antonomiasia tra quelle che meglio si adattano all’utilizzo “business”, per via del software “Office” integrato e per il supporto nativo della tecnologia Exchange. Dunque per vocazione, ma anche grazie alle proporzioni ridotte ed alle prestazioni, HTC HD Mini è uno strumento di lavoro ideale.

Ma allo smartphone evidentemente piace anche essere di buona compagnia. Tant’è che il comparto multimediale è tra i migliori del segmento: attraverso gli auricolari stereo il sottosistema audio manifesta rispetto per la musica, ed ha in vivavoce un volume chiaro e facilmente percepibile anche alla presenza di forti rumori di fondo. HTC HD Mini esprime al meglio la sua vena da intrattenitore, tuttavia, quando riproduce video. Attraverso il display, con risoluzione da 320 x 480 pixel, è possibile visualizzare “pesanti” filmati VGA senza alcuna incertezza. Lo dimostra il test di Coreplayer, il cui benchmark ha registrato 119 punti percentuali utilizzando il trailer di Matrix, clip da 640 x 480 pixel ben nota a chi segue le prove di SoloPalmari.

Gli encomi sotto il profilo della multimedialità proseguono con le foto: la camera da 5 MP, purtroppo priva di flash, è capace di riprendere immagini a distanza ravvicinata dall’eccellente qualità. Non può dirsi lo stesso per i panorami: negli scatti in campo lungo HTC HD Mini non è capace di bissare i risultati, pur allineandosi con la buona concorrenza.

Click sull’immagine per accedere all’originale.

Lo stesso vale per i filmati (scarica un filmato originale, registrato con HTC HD Mini, o guardalo su Youtube) ma si consideri che il sample oggetto di questa recensione è un prototipo. Come dire: da qui alla versione retail del dispositivo c’è da sperare in un un ulteriore miglioramento.

Le ottime performance sono peraltro dimostrate dai test generali, praticati con l’ausilio del sempreverde Spb Benchmark. Secondo l’indice del noto tool, su oltre 50 dispositivi HTC HD Mini è quarto, dietro soltanto a terminali che posseggono una CPU dal clock rate ben più elevato. I risultati, per certi versi sorprendenti (il processore del Mini si ferma a “soli” 600 MHz), sono fortemente influenzati dal comportamento del sistema grafico, che registra un punteggio clamoroso: 3644, capace di conferire al dispositivo la medaglia di bronzo nella classifica assoluta, rappresentata da oltre 50 smartphone Windows Mobile passati sotto il torchio della redazione di SoloPalmari negli anni più recenti (dalla nascita di Windows Mobile 5 in poi).

Buono anche il comportamento del GPS, anche lui sottoposto ad una prova “obiettiva”: preso in esame tramite l’applicazione VisualGPSce, ha richiesto un minuto di tempo per il primo fix, ma senza ricorrere al tool che consente di scaricare e salvare in locale efemeridi ed almanacchi. Dopo averlo utilizzato i satelliti sono stati agganciati in meno di cinque secondi, e tenuti ben saldi anche all’interno di un appartamento.

{module adsense forum 728 x 90}

Mini non è certo sinonimo di scarsità di funzioni. Sebbene tascabilissimo, il device non scende a compromessi: ricevitore satellitare, display capacitivo, sensori di gravità, prossimità e luce ambientale, tuner FM e pieno corredo di interfacce wireless. A proposito: il modulo telefonico svolge bene, ma senza eccellere, il suo lavoro. Come pure il protocollo Bluetooth, attraverso il quale abbiamo effettuato l’accoppiamento con un auricolare in pochi secondo e senza alcuna difficoltà.

Il Wi-Fi, invece, rappresenta l’ennesima gradita sorpresa: dotato di un’applet dedicata al risparmio energetico, è stato capace di mantenere la connessione ad un router a circa 11 metri di distanza e con due muri tramezzi a fare da ostacolo.

Il sistema operativo, ha raggiunto un discreto livello di maturità (era ora, d’altra parte) proprio quando destinato a lasciare la scena. Tant’è: con la versione 6.5.3 l’interazione in punta di dita è diventata efficace e funzionale. Ma una buona parte del merito va all’interfaccia, HTC Sense. Oltre a rendere più semplice, intuitiva e persino graziosa la UI, la tecnologia proprietaria porta in dote al HTC HD Mini alcune feature obiettivamente utili quanto insospettabili. Quando ad esempio arriva una chiamata il volume della suoneria si alza progressivamente, per farsi meglio sentire; non appena prendiamo il telefono in mano il volume invece si abbassa, sempre automaticamente.

0.00 avg. rating (0% score) – 0 votes

Autore

Gti



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi