per Android, iPhone, WPhone

 

i-mate: Ultimate no, Ultimate sì.

Postato 20 Agosto 2007 da Gti in News


Click sulla “morsa” per leggere tutto

La foto che riportiamo in alto è di un anno fa. Risale al periodo in cui si era fatta oramai insanabile la frattura tra i-mate e HTC, prima partner felici ed affermati e poi concorrenti, l’uno distributore su scala internazionale di smartphone e PDA phone Windows Mobile, l’altro produttore dei terminali che allora venivano rimarchiati e venduti anche con il brand Qtek. Il significato del fotomontaggio ci pareva chiaro e fondato: i-mate ed il suo JASJAM, top di gamma derivato dal TyTN, erano stritolati nella morsa della schiera di nuovi dispositivi che High Tech Computer già allora sfornava al ritmo di uno/due al mese.

align=”center”>

Trovandosi priva della “materia prima” del suo business, nella necessità di reagire alla pericolosa situazione di stallo, l’azienda di Dubai si era dapprima approvvigionata presso un costruttore asiatico meno conosciuto, Techfaith, che però con gli entry level K-JAR e JAQ 3 non sembrava certo poter promettere riscatti da lieto fine. La possibilità di ripresa si delineava invece poco dopo con la presentazione dell’innovativa fascia di dispositivi high end Ultimate, tenutasi durante la preziosa quanto impegnativa kermesse del 3GSM World Congress di Barcellona (SoloPalmari, naturalmente, c’era).
A sei mesi di distanza da quell’evento, finalmente, due dei cinque attesissimi PDA phone pare siano sul punto di arrivare nei negozi: display VGA, uscita video XGA, Wi-Fi e Bluetooth, radio FM, processori da 520 MHz, sono soltanto alcune delle avanzate caratteristiche comuni al 6150 ed all’8150. Ma proprio quando ci sarebbe da festeggiare il possibile rientro di un grosso player nel mercato dei palmari, ecco arrivare voci di corridoio secondo le quali i-mate ha già rinunciato alla commercializzazione degli altri tre dispositivi che compongono la gamma Ultimate. Partita da un e-store inglese, la notizia ha in un lampo fatto il giro del Mondo, tant’è che anche i più accreditati dei webzine internazionali l’hanno riportata senza curarsi, avendone la possibilità, di procacciare riscontri (un esempio fra gli altri, TheUnwired).

 

Immediata la smentita, espressa attraverso la rivista online C|NetAsia: nessun ripiego, la serie Ultimate vedrà la luce per intero, checché ne dica un sito britannico in vena di rivelazioni. Presto, in una data non meglio precisata (comunque entro l’anno), arriveranno anche i device siglati 5150, 7150 e 9150.
Quale versione dei fatti è da considerarsi la più attendibile? La presa di posizione di i-mate prelude davvero all’attuazione di un concreto programma commerciale o è soltanto una mossa difensiva, giocata per tamponare la grave compromissione d’immagine che l’ipotesi le avrebbe, o le ha, procurato? Lo sapremo soltanto nei prossimi mesi. Nel frattempo abbiamo comunque alcune certezze: Clove Technology è stata la prima a dover davvero fare passi indietro, perché costretta ad oscurare l’articolo pubblicato sul suo sito Web, e i-mate non ha bisogno di indiscrezioni per potersi scoprire in un momento particolarmente impegnativo, dal quale le auguriamo di poter presto uscire.

Fonte: SoloPalmari.

0.00 avg. rating (0% score) – 0 votes

Autore

Gti



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi