per Android, iPhone, WPhone

 

Recensione Glofiish M800 – Anteprima mondiale SoloPalmari

Postato 9 febbraio 2008 da Gti in Le Recensioni

 

Image
Glofiish M800:
l’All-In-One “totale”.

Recensione SoloPalmari

Forse è arrivato con leggero ritardo rispetto alle attese (e sappiamo quanto è importante il tempismo in un mondo che, per definizione, si muove). Ma non per questo possiamo esimerci dal fare gli onori di casa ad un dispositivo che viene universalmente considerato, almeno in premessa, il più avanzato All-In-One sul mercato: il Glofiish M800.

“In comune con l’intera gamma E-TEN, ed in particolare con il predecessore M700, il Glofiish M800 ha anche il design, che proprio per carenza di originalità a prima vista non sembra poter entusiasmare. Ma non sempre le prime impressioni sono quelle giuste”.

Il quadro delle sue specifiche tecniche è invidiabile: display VGA, tastiera QWERTY a slitta, connettività UMTS/HSDPA, Wi-Fi b/g, Bluetooth 2.0 con EDR, ricevitore GPS, doppia fotocamera, slot di espansione microSD compatibile SD/HC, tuner FM. L’aspetto meno entusiasmante è il bagaglio di memoria: E-TEN non ha badato a spese per la ROM, accreditandole 256 MB, mentre ha stretto la cinghia in tema di RAM, che resta limitata come in tutti i Glofiish a 64 MB. Vedremo se la scelta, probabilmente influenzata dal desiderio di contenere i consumi e favorire l’autonomia (i “banchi” di RAM da 128 MB sono più dispendiosi), potrà in qualche modo condizionare le prestazioni.


 


Glofiish M800:
l’All-In-One “totale”.

Recensione SoloPalmari 

In comune con l’intera gamma E-TEN, ed in particolare con il predecessore M700, il Glofiish M800 ha anche il design, che proprio per carenza di originalità a prima vista non sembra poter entusiasmare. Ma non sempre le prime impressioni sono quelle giuste.

   
“E-TEN non ha badato a spese per la ROM, accreditandole 256 MB, mentre ha stretto la cinghia in tema di RAM, che resta limitata come in tutti i Glofiish a 64 MB”.

Ad esempio le dimensioni sono sensibilmente più contenute rispetto all’antenato diretto: l’M800 misura 113.8 x 57.8 x 18.4 mm, contro i 117.5 x 59 x 19.8 mm dell’M700. Soltanto il peso è superiore nel neonato PDA phone Glofiish: 178 grammi contro 165. La caratteristica, che ha ragion d’essere per motivi che ci aggiungiamo a spiegare, contribuisce tuttavia a rendere l’M800 più compatto e robusto.

 

“Il quadro delle interfacce hardware esterne prosegue con i pulsanti di accensione e della fotocamera, posti sul fianco destro del device”.

align=”center”>

La maggiore cura nell’assemblaggio, e la superiore qualità dei materiali di cui lo chassis è composto, si rivelano ad un’osservazione più attenta: la sezione interna della struttura, quella che separa il corpo principale della macchina dalla tastiera a slitta, è in metallo dalla gradevole tonalità bronzea. A guadagnarne è, in modo lampante, il sistema di chiusura (finalmente semiautomatico) della “sliding keyboard”, ora più sicuro e deciso. Sempre in lega, ma satinata, è la cornice che circonda il display.

“A sinistra troviamo invece i tasti del volume, quello di registrazione e di attivazione dei comandi vocali, il foro per il reset e l’uscita audio, compatibile con gli auricolari con jack da 2,5 millimetri”.
“Sulla base del PDA, nel verso della scrittura, trovano posto il microfono, lo slot microSD/HC, la porta miniUSB per la ricarica e la sincronizzazione con il computer, il vano del pennino telescopico”. 

 

 


Glofiish M800:
l’All-In-One “totale”.

Recensione SoloPalmari

Appena sotto il monitor la pulsantiera principale  riserva immediatamente un’altra gradita sorpresa: i tasti non richiedono pressione, ma semplice sfioramento, per l’attivazione delle funzioni ad essi legate. La soluzione, adottata probabilmente per contenere lo spessore del corpo macchina, rende più immediato l’uso del telefono, delle soft key e dei pulsanti Home, OK, GPS e Start Menu. La pressione accidentale, conseguente allo sfioramento involontario, viene teoricamente (molto meno nella realtà) paventata da un sistema automatico di blocco dell’intera interfaccia hardware; fa eccezione il tasto di registrazione, la cui doppia pressione riattiva i pulsanti. Efficace, e caratterizzato da risposta immediata e da una breve curva di apprendimento, lo stick direzionale, che dovrebbe poter svolgere senza macchia il proprio ruolo anche nell’uso di applicativi ludici.

“Appena sotto il monitor la pulsantiera principale  riserva immediatamente un’altra gradita sorpresa: i tasti non richiedono pressione, ma semplice sfioramento, per l’attivazione delle funzioni ad essi legate”.

Reale motivo di vanto dell’M800 è la riuscitissima tastiera, probabilmente la più confortevole che ci è capitato di provare fino ad oggi. La corsa dei pulsanti è pienamente equilibrata, la loro larghezza e l’ergonomia complessiva favoriscono la digitazione precisa e rapida, rendendo così più semplice l’editazione di documenti anche complessi, di SMS ed e-mail. Intelligente il posizionamento delle Soft Key sui fianchi della QWERTY keyboard, facilmente raggiungibili; utili i LED di attivazione delle funzioni CAPS e Function. Attraverso quest’ultimo pulsante, contraddistinto dalla presenza di un’icona a forma di punto, viene attivata la “seconda battuta” di tutti gli altri tasti, mettendo così a disposizione ulteriori caratteri (le cifre e la punteggiatura, principalmente). 

“Sulla schiena del device è collocato l’obiettivo della digicamera da 2 megapixel, corredata di flash e specchietto per l’autoscatto, e più a destra il vivavoce monofonico”.

 

Il quadro delle interfacce hardware esterne prosegue con i pulsanti di accensione e della fotocamera, posti sul fianco destro del device. A sinistra troviamo invece i tasti del volume, quello di registrazione e di attivazione dei comandi vocali, il foro per il reset e l’uscita audio, compatibile con gli auricolari con jack da 2,5 millimetri. Sulla base del PDA, nel verso della scrittura, trovano posto il microfono, lo slot microSD/HC, la porta miniUSB per la ricarica e la sincronizzazione con il computer, il vano del pennino telescopico.

“La maggiore cura nell’assemblaggio, e la superiore qualità dei materiali di cui lo chassis è composto, si rivelano ad un’osservazione più attenta: la sezione interna della struttura, quella che separa il corpo principale della macchina dalla tastiera a slitta, è in metallo dalla gradevole tonalità bronzea”.

 

“Reale motivo di vanto dell’M800 è la riuscitissima tastiera, probabilmente la più confortevole che ci è capitato di provare fino ad oggi”.

 

Sulla schiena del device è collocato l’obiettivo della digicamera da 2 megapixel, corredata di flash e specchietto per l’autoscatto, e più a destra il vivavoce monofonico. Torniamo sul profilo frontale per scoprire, in alto, l’obiettivo VGA deputato alle videochiamate, il diffusore acustico del telefono, i due LED indicatori che, attraverso la riproduzione di più colori, segnalano svariate attività di sistema (come il funzionamento del GPS, lo stato di carica o le chiamate perse).


 

 


Glofiish M800:
l’All-In-One “totale”.

Recensione SoloPalmari 

Scendiamo nel dettaglio delle funzioni e delle caratteristiche operative, e lo facciamo partendo dall’accensione del brillante e contrastato touchscreen con risoluzione VGA. Il monitor potrebbe sorprendere per come sono vividi i colori e per la nitidezza delle immagini e dei caratteri. In realtà non c’è nulla di nuovo rispetto al passato: riteniamo infatti che la matrice del display sia identica o comunque simile a tutti gli ultimi dispositivi Glofiish, nei quali la caratteristica era già stata segnalata come concreto ed evidente punto di forza. 

   
“Altra feature di valore, nell’M800, è il ricevitore GPS. L’abbiamo provato più volte, in diverse circostanze, con la vista del cielo più o meno libera da ostacoli: buoni i tempi di fix (il primo si ottiene in meno di trenta secondi), affidabile la “tenuta” dei satelliti…”

A nostro avviso la reattività del sistema è più che soddisfacente, mentre non emergono risultati eclatanti dai test effettuati con l’ausilio di Spb Benchmark. Il tool di misurazione delle performance offerto dalla Spb Softwarehouse, lo sappiamo, non sopporta di buon grado i monitor VGA, ed in loro presenza tende a penalizzare fortemente l’indice generale delle prestazioni. Questa una fondata giustificazione agli esiti della prova, ma c’è di vero che l’alta risoluzione andrebbe meglio supportata, magari con l’implementazione di acceleratori grafici, anche nell’M800: il suo monitor è in grado di riprodurre in scioltezza videoclip QVGA, mentre nel visualizzare filmati da 640 x 480 pixel incespica frequentemente, perdendo numerosi frame. Lo testimoniano peraltro i benchmark effettuati tramite TCPMP, l’eccellente player multimediale gratuito per Windows Mobile ed altre piattaforme, che è stato abbandonato dagli sviluppatori a favore del commerciale (e costoso) CorePlayer, ma che detiene sempre il primato di simpatia tra gli appassionati di PDA e smartphone.

 

“… il device è dotato di un applicativo che, manualmente o automaticamente ad intervalli regolari, scarica da un server remoto le effemeridi e gli almanacchi per consentire in teoria una localizzazione più veloce…”

align=”center”>

Ancora una gradita sorpresa arriva dalla fotocamera, che con i suoi “soli” 2 MP, ma con il supporto della funzione autofocus e di un tasto di scatto dalla corsa lunga e graduale, permette di riprendere immagini e filmati decorosi anche in ambienti poco illuminati e con soggetti ravvicinati. L’applicativo connesso alla periferica, ricco di opzioni, è un po’ lento all’avvio ma diventa sufficientemente rapido ed affidabile quando in uso, soprattutto nel gestire foto a media o bassa risoluzione.

 
“… La verità è diversa: i tempi di fix rimangono sostanzialmente equivalenti, mentre ad avvantaggiarsene è la sensibilità, che permette di “vedere” un maggior numero di satelliti in orbita”.

Un click sull’immagine apre la foto originale

“Ancora una gradita sorpresa arriva dalla fotocamera, che con i suoi “soli” 2 MP, ma con il supporto della funzione autofocus e di un tasto di scatto dalla corsa lunga e graduale, permette di riprendere immagini e filmati decorosi anche in ambienti poco illuminati e con soggetti ravvicinati”.

Un click sull’immagine apre la foto originale

“L’applicativo connesso alla fotocamera, ricco di opzioni, è un po’ lento all’avvio ma diventa sufficientemente rapido ed affidabile quando in uso, soprattutto nel gestire foto a media o bassa risoluzione”.


 

 


Glofiish M800:
l’All-In-One “totale”.

Recensione SoloPalmari 

Restiamo per un istante in tema “intrattenimento” per riservare anche al sottosistema audio una breve riflessione. La musica viene riprodotta con discreta qualità attraverso l’ausilio degli auricolari stereo forniti in dotazione, forse (è in realtà difficile avere riscontri obiettivi) leggermente meglio di quanto avveniva con l’M700. Chiara e gradevole anche la diffusione acustica attraverso lo speaker monofonico. Avremmo tuttavia preferito un volume massimo più elevato sia per l’altoparlante, sia per le cuffiette stereo che, ricordiamo, sono indispensabili per attivare il tuner FM e sono predisposte per le funzioni di cellulare. 

Nell’immagine un risultato ottenuto nel test di velocità della connettività 3.5G: 406 kbits. Il dato, che può cambiare in misura sensibile in funzione di numerose variabili, come la distanza dalla “microcella” o la presenza di ostacoli al segnale wireless, testimonia il buon funzionamento sotto copertura HSDPA.

A proposito di cellulare: il modulo telefonico rispetta appieno il suo mandato, manifestando una capacità di ricezione del segnale GSM che si pone nella media dei concorrenti; la voce dell’interlocutore e del chiamante viene tradotta senza “rumori” evidenti. Reattivo ed efficace il tastierino alfanumerico virtuale, che offre la possibilità di digitare le cifre, o di richiamare contatti in rubrica, con la punta delle dita grazie ai grandi pulsanti virtuali.
Nel complesso la connettività wireless si rivela robusta ed affidabile, anche per merito della lunga gittata dell’interfaccia Wi-Fi b/g e per il veloce protocollo Bluetooth 2.0 con EDR.

“… il generosissimo parco software preinstallato in ROM: si va da Spb Mobile Shell, efficiente interfaccia personalizzabile per il Today screen, al Location SMS, che permette di segnalare a terzi la propria posizione attraverso un semplice messaggio di testo…”

 

Utile il task manager, con il quale è possibile chiudere rapidamente le applicazioni in uso. Può essere richiamato con un tap sull’icona presente in basso a destra del Today Screen.

 

Altra feature di valore, nell’M800, è il ricevitore GPS. L’abbiamo provato più volte, in diverse circostanze, con la vista del cielo più o meno libera da ostacoli: buoni i tempi di fix (il primo si ottiene in meno di trenta secondi), affidabile la “tenuta” dei satelliti. Curiosità: il device è dotato di un applicativo che, manualmente o automaticamente ad intervalli regolari, scarica da un server remoto le effemeridi e gli almanacchi per consentire in teoria una localizzazione più veloce; la verità è diversa: i tempi di fix rimangono sostanzialmente equivalenti, mentre ad avvantaggiarsene è la sensibilità, che permette di “vedere” un maggior numero di satelliti in orbita.


 

 


Glofiish M800:
l’All-In-One “totale”.

Recensione SoloPalmari 

Il confronto delle dimensioni con altri PDA
Per poter immaginare le proporzioni fisiche di un PDA è bene poter contare su parametri di confronto, preferibilmente noti. Ecco perché riportiamo di seguito alcuni scatti nei quali altri dispositivi si sono prestati allo scopo. Vediamo.

Da sinistra: Glofiish X600, Glofiish M800, Glofiish X650.
La compagnia si fa via via più folta. Sempre nel verso della scrittura: Glofiish X600, i-mate ULTIMATE 8150, Glofiish M800, Glofiish X650, Gigabyte i350.

 

E ancora, ma questa volta dall’alto: Gigabyte i350, Glofiish X650, Glofiish M800, i-mate ULTIMATE 8150, Glofiish X600, Gigabyte i120, Blackberry Pearl, Nokia N73.

 

{mospagebreak title=BENCHMARK – CPU}


Glofiish M800:
l’All-In-One “totale”.

Recensione SoloPalmari 

 

 

 

Il processore
L’esame della CPU fornisce un’indicazione poco rappresentativa della reale e complessiva velocità del terminale, poiché non tiene espressamente in conto di altri importanti parametri, determinanti sul profilo delle prestazioni, come l’ottimizzazione del sistema, della memoria RAM e di quella ROM, del bus di trasferimento dati, dell’impianto grafico e dei tempi di lettura e scrittura del file system. Va pertanto considerato come mero indicatore della capacità computazionale del PDA, in relazione al chipset adottato.

 

 

 

align=”center”>

 

Grazie alla CPU “overclockata” a 500 MHz, il Glofiish M800 supera seppure di stretta misura il suo antenato, il Glofiish M700. Nella classifica generale la posizione è la numero 18.

 

 

 

{mospagebreak title=- File System} 

 


Glofiish M800:
l’All-In-One “totale”.

Recensione SoloPalmari 

Il file system
Nettamente più significativo è il benchmark legato al file system, che ha l’obiettivo di misurare la velocità in lettura e scrittura da e sulla memoria d’archiviazione (ROM). Questo aspetto incide considerevolmente sul comportamento complessivo del PDA: un terminale che nell’uso reale si mostra particolarmente reattivo quasi sempre registra nella prova buoni risultati.   

 

 

align=”center”>

Risalendo la china, l’M800 raggiunge in questa tappa l’undicesimo posto. Ad inseguirlo è il consanguineo X800. Poco più avanti il prestante HTC Touch Cruise.

 

 

 

{mospagebreak title=- Grafica} 

 


Glofiish M800:
l’All-In-One “totale”.

Recensione SoloPalmari 

Grafica
Discreta importanza riveste anche questo test, nel quale tuttavia entrano in gioco numerose variabili che possono, talvolta, falsare le obiettive capacità prestazionali di una macchina. Si consideri inoltre che i device dotati di display VGA soffrono generalmente di un gap sensibile rispetto a quelli che implementano monitor con risoluzione QVGA, a causa del maggior carico di lavoro al quale sono chiamati (il numero di pixel di uno screen VGA è quattro volte superiore a quello QVGA). A titolo esemplificativo si consideri l’HTC X7500, PDA phone notoriamente prestante e sempre presente nella parte alta delle classifiche di Spb Benchmark, fatta eccezione per la prova del sottosistema grafico.  

 

 

{

align=”center”>

 

Nella manche del benchmark grafico la situazione si ribalta: il Glofiish X800 passa avanti, lasciando all’M800 oltre 5 punti di distanza. Val bene ripetere: Il tool di misurazione delle performance offerto dalla Spb Softwarehouse, lo sappiamo, non sopporta di buon grado i monitor VGA, ed in loro presenza tende a penalizzare fortemente l’indice generale delle prestazioni”.

 

 

{mospagebreak title=- Index} 

 


Glofiish M800:
l’All-In-One “totale”.

Recensione SoloPalmari 

Index
È qui rappresentato l’indice generale delle performance, ottenuto dal tool della Spb Softwarehouse attraverso un’analisi compendiata di tutti i risultati registrati nei test precedenti. L’esame è senz’altro da considerarsi il più significativo, ed in genere può dirsi sufficientemente rappresentativo delle prestazioni complessive di un terminale Windows Mobile.   

 

 

{

align=”center”>

 

Per via del non entusiasmante risultato ottenuto nella prova dell’impianto grafico, il Glofiish M800 scivola nuovamente in diciottesima posizione. Ma resta sopra l’X800, e fa sentire il fiato sul collo all’HTC TyTN, che ha display con risoluzione QVGA.

 

 

 

 

 

 



Glofiish M800:
l’All-In-One “totale”.

Recensione SoloPalmari 

Conclusioni
In considerazione dei suoi alti contenuti tecnologici, delle innovative soluzioni tecniche (un esempio è dato dai bottoni “touch”, sulla cui reale efficienza tuttavia sospendiamo il giudizio, in attesa di una sperimentazione più lunga), del buon equilibrio tra potenza, capacità multimediali, funzionalità e qualità costruttiva, l’M800 può secondo il nostro parere definirsi il miglior PDA phone GPS prodotto fino ad oggi dalla nota azienda taiwanese E-TEN.

 

align=”center”>

A rendere favorevole il giudizio è anche il generosissimo parco software preinstallato in ROM: si va da Spb Mobile Shell, efficiente interfaccia personalizzabile per il Today screen, al Task Manager, al Location SMS, che permette di segnalare a terzi la propria posizione attraverso un semplice messaggio di testo; si passa per il Namecard Manager, scanner che permette di importare direttamente in rubrica, tramite la fotocamera,  i dati contenuti su di un biglietto da visita; si chiude in bellezza con il filtro per le chiamate entranti (chi ci risulta antipatico troverà sempre il cellulare spento), il discreto Voice Commander, per i comandi vocali, e la preziosa utility di backup. Se non fosse per alcuni leggeri e non compromettenti bug riscontrati fin dai primi utilizzi, e per alcune avventurose traduzioni delle voci di sistema dall’inglese all’italiano, il primato che al device crediamo di dover accreditare nell’ambito della famiglia Glofiish potrebbe senz’altro allargarsi all’intero mercato, concorrenza compresa, anche in funzione del prezzo particolarmente incentivante. Sarà cura ed interesse del produttore rilasciare quanto prima aggiornamenti di sistema che cancellino i pochi nei rilevati, consentendo così al neonato M800 di farsi vero portabandiera della graduale ma incessante affermazione di E-TEN sullo scenario internazionale del mobile computing.

PRO
Soddisfacenti performance
Ricchezza di feature
Display VGA
Qualità costruttiva
Tastiera QWERTY funzionale
Piena connettività wireless
Sistema GPS

 

CONTRO
Peso
Macchinoso sistema di apertura del coperchio batteria
Jack auricolari da 2,5 mm
Design poco originale
Piccoli bug di sistema

 

 

*Nota 1: i test sull’autonomia verranno effettuati prossimamente, dopo aver atteso che si siano conclusi almeno tre cicli completi di carica della batteria. Il giudizio complessivo qui espresso potrebbe risultare condizionato dalla prova, e mutare in misura significativa.

*Nota 2: La linea “editoriale” di SoloPalmari è improntata al più rigido rigore deontologico e, nelle sue espressioni, aspira ai principi di obiettività e coerenza. Tuttavia è bene che utenti e lettori tengano in conto il fatto che l’azienda che distribuisce il terminale è sponsor e partner di SoloPalmari, e che questo aspetto potrebbe anche indirettamente ed involontariamente influenzare il giudizio sul dispositivo. Il parere libero ed indipendente degli stessi utenti, manifestato sicuramente dalla totalità degli interventi e non dal singolo commento, potrà essere consultato attraverso il forum di SoloPalmari People.

Specifiche tecniche

Marca E-TEN Glofiish
Modello M800
Immagine
Sistema Operativo Microsoft Windows Mobile 6 Professional
Cpu Samsung SC3 2442, 500 MHz
Memoria 256 MB ROM, 64 MB RAM
Display 2.8 pollici, 65.000 colori TFT, VGA
Audio Jack stereo da 2.5 mm, speaker mono
Espansione
microSD
Connettività WLAN 802.11b+g, Bluetooth 2.0 class 2
Fotocamera 2 mega-pixel con auto focus, zoom digitale, flash
GPS
SiRF Star III
Modulo telefonico HSDPA / UMTS (2100/1900/850 MHz), GSM Quad-band 850/900/1800/1900 MHz, 3G-EDGE class 10, GPRS classe 10
Batteria
Agli ioni di Litio da 1530 mAh
Dimensioni e Peso 113.8 x 57.8 x 18.4 mm – 178 grammi

Si ringrazia il distributore Glofiish Italia di Focelda srl per aver fornito il materiale oggetto della recensione.

0.00 avg. rating (0% score) – 0 votes

Autore

Gti



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi